Oggi lunedì, 6th Febbraio 2023
ROADRACE

CONCESSIONARIA UFFICIALE PER LECCO E PROVINCIA PIAGGIO VESPA MOTOMORINI MOTORCYCLES SYM LAMBRETTA CHATENET MICROCAR VEICOLI ELETTRICI SUPER SOCO NIU VALENTI RACING NOLEGGIO MOTO A LUNGO TERMINE

Lambretta

La storia:

 
Nel 1922 Ferdinando Innocenti di Pescia diede vita ad una fabbrica di tubi d’acciaio a Roma. Nel 1931 spostò tutti i propri affari a Milano, costituendo proprio nel quartiere Lambrate la più grande fabbrica di tubazioni d’acciaio senza giunti. Durante la seconda guerra mondiale, la fabbrica fu bombardata e completamente distrutta. Innocenti, nell’attesa di riacquisire da parte degli Alleati gli stabilimenti di Milano, diede vita nella Capitale allo studio del prodotto che avrebbe costituito la riconversione post-bellica della fabbrica: infatti, prendendo ispirazione proprio dai motorscooters militari americani giunti in Italia durante la guerra, e comprendendo le nuove necessità di motorizzazione utili alla popolazione nell’immediato dopoguerra, decise di dedicarsi alla produzione del rivoluzionario scooter. Nel 1947, dopo aver concluso la fase di progettazione e dopo aver ricostruito gli stabilimenti milanesi, inizia la produzione della Lambretta. L’enorme successo non solo nazionale fece sì che la Lambretta, nei quasi 25 anni di produzione, venisse costruita su licenza anche in Argentina, Brasile, Cile, India e Spagna.
Con il boom economico esploso in Europa occidentale verso la fine degli anni ’60 la richiesta degli scooters ebbe un calo, mentre l’ automobile era ormai alla portata di tutti; la Innocenti dovette quindi lottare per sopravvivere finanziariamente. La “British Motor Corporation” (BMC) approfittò delle sue difficoltà finanziarie e con la sua esperienza di produzione propose un contratto alla Innocenti per produrre le automobili Mini su licenza della “BMC”. La “Innocenti Mini” usava molti dei componenti meccanici dell’originale ma era sotto molti aspetti superiore ad esso. Innocenti/Lambretta venne venduta alla BMC, ma non avendo molto mercato, chiuse la produzione nel 1971. Il governo indiano comprò la catena di montaggio della Lambretta, essenzialmente per le stesse ragioni per cui Ferdinando Innocenti l’aveva costruita dopo la guerra: l’India all’epoca era un paese con poche infrastrutture e non era ancora pronta economicamente per produrre piccole automobili dedicate al trasporto privato. La SIL (Scooters of India Limited), con sede a Lucknow nell’Uttar Pradesh, fu l’impresa di proprietà statale che cominciò la produzione un paio d’anni dopo l’acquisto, continuando la costruzione della Lambretta sino al 1998. Dal 2007 il marchio passo in mani Olandesi con Pertner Austriaco per sviluppo e distribuzione ( Ksr group ) , avvelendosi  inoltre di partner italiani per ricerca e design per riportare il marchio Lambretta ai vertici per stile e tecnologia.

Lambretta oggi:

Ad oggi il Marchio Lambretta fa parte di un gruppo leader olandese con distribuzione e partners Austriaca.Per lo sviluppo e design si e’optato dal centro stile Italiano capitanato da Vittorio Tessera,dove si fondono stile  e tecnologia che danno vita a scooter dalla linee  inconfondibili  ma con tecnologie moderne.

Roadrace concessionaria ufficiale